Caso Vesuvio: una bomba ad orologeria…

Considerato dagli esperti uno dei vulcani più pericolosi al mondo,il Vesuvio potrebbe risvegliarsi da un momento all’altro.
Le conseguenze, inenarrabili.

In una delle cornici più suggestive, a strapiombo sul golfo di Napoli, è situato uno dei vulcani più temuti al mondo.
Contraddistinto per il suo stile eruttivo ed esplosivo,il Vesuvio è conosciuto soprattutto per aver raso al suolo due città come Pompei ed Ercolano nel lontano agosto del 79 d.c.
Attraverso le ultime memorie di Plinio il Vecchio - tramandate al nipote, Plinio il Giovane - è stato possibile rivivere gli attimi che hanno preceduto la fine di intere popolazioni.
Nel corso degli anni, si sono avvicendate diverse teorie,ma tutte concordano su un aspetto : il Vesuvio tornerà ad eruttare, ed allora non ci sarà scampo. Gli studiosi sentenziano : “O si mette in atto una piano di evacuazione totale, oppure si rischia un’ecatombe, un deserto in tutta l’area campana…”.
I vulcanologi prevedono che la ripresa del Vesuvio avverrà con un’eruzione esplosiva ,tanto più violenta quanto più lungo sarà il periodo di quiescenza. Ma c’è dell’altro…
 Non è soltanto il Vesuvio a creare allarme tra gli addetti ai lavori, ma soprattutto l’area esposta a Nord-Est e cioè il cratere dei Campi Flegrei.
Lì, la prova dell’esistenza in vita di una falda attiva è la Solfatara,  considerata dagli antichi dimora del Dio Vulcano ed ingresso agli inferi. E’ la più grande delle caldere dell’area:  creatasi nel XVII secolo,  era tappa obbligata per i figli dell’aristocrazia europea durante il lungo viaggio di formazione nel vecchio continente.
Punto di forte interesse economico, la Solfatara era ben conosciuta ed apprezzata grazie alla presenza di preziosi minerali e di acque ricche di zolfo.
Secondo diversi  vulcanologi, persiste il rischio di un’imminente eruzione.
Una grande sacca di magma, ad una profondità di 5 chilometri tra Vesuvio e Campi Flegrei, potrebbe risalire in superficie dando luogo ad una devastante eruzione.



Nell’ultimo decennio il suolo si sarebbe sollevato di 20 – 30 centimetri, dando luogo al famoso “bradisismo flegreo”.
“Siamo su una bomba ad orologeria…” . Lo afferma da tempo, quasi inascoltato, Giuseppe Mastrolorenzo , uno dei più esperti geologi italiani.
Non è l’unico. A confermare la sua tesi, il collega americano Flavio Dobran , ricercatore della  New York University, già ingegnere fluidodinamico, specializzato in vulcanologia.
“Una colonna di gas e lapilli si innalzerà per 200 metri sopra il cratere . Valanghe di fuoco rotoleranno ad una velocità di 100 metri al secondo con una temperatura di 100 gradi centigradi, distruggendo l’intero paesaggio in un raggio di 7 kilometri ed uccidendo un milione di esseri umani in meno di 15 minuti”, afferma l’esperto statunitense.

Non previsioni, ma frutto di studi approfonditi.
Dati catastrofici, considerato che attualmente il Vesuvio è circondato da centri abitati che ospitano oltre 3 milioni di persone.
Ottaviano, Somma Vesuviana, Boscoreale, Torre del Greco, Ercolano e Torre Annunziata: queste solo alcune delle città situate ai piedi dello “Sterminator Vesevo”, così denominato da Giacomo Leopardi ne “La Ginestra”.
I media, purtroppo, non stanno fornendo un’informazione realistica del rischio nell’area vesuviana e il cosiddetto “piano di evacuazione” è inaffidabile, primo per il numero sempre più esteso di abitanti in zone a forte rischio, secondo perché non prevede informazioni precise sui luoghi in cui dovrebbero confluire le popolazioni evacuate.
A monitorare costantemente l’andamento del Vesuvio, non è più l’Osservatorio Vesuviano, bensì l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, con sede a Roma.
I cittadini napoletani intanto , si affidano alla fortuna ed al santo patrono San Gennaro, che già nella notte del 16 dicembre del 1631 riuscì, secondo le credenze popolari, a fermare quel vulcano impazzito che provocò la morte di oltre 4000 persone.
Da allora il Vesuvio dorme, ma chissà ancora per quanto…


Cerca nel giornale

Forbes riprende le nostre denunce sui rifiuti scomparsi

The EU's Borders And Stability Are At Risk

Articoli consigliati

L'INCHIESTA RIFIUTI SUI MEDIA EUROPEI

SYRILIFOTELEGRAPH.MK
  

ANCHE IN GRECIA TROVA ENORME RISALTO LA NOTIZIA DEI 1300 CONTAINERS SCOMPARSI

Guarda la prima pagina della CNN in lingua greca

"

 

CONTAINER SCOMPARSI, ANCHE IN GRECIA SI PARLA DELL'INCHIESTA

LINK AL SITO

"


L'INCHIESTA DI PIANETA ITALIA NEWS VIENE RIPRESA ANCHE IN MACEDONIA

Il Telegraf, uno dei web site più importanti del Paese, decide di approfondire le nostre rivelazioni.   

Gestione rifiuti: l'intervista del 2011 a Roberto Saviano

Ultime news

Venerdì, 08 Dicembre 2017
MARTINGALE RISK
Venerdì, 11 Novembre 2016
Bataclan: un anno dopo
Mercoledì, 05 Ottobre 2016
Il Made in Italy? Nasce all’estero

Scienza

Grazie a due nuovi test genetici il tumore non farà più paura

Politica

Europa sotto attacco. Le stragi dell'ISIS nel tempo del ramadam