EMERGENZA MONDIALE

Abbiamo creduto, abbiamo sperato che fosse solo poco più di influenza. Purtroppo siamo stati smentiti da drammatici dati che ci hanno costretto a cambiare totalmente la nostra vita. Chiusi in casa da più di un mese, strade vuote e città deserte, il mondo si è dovuto fermare e dare la precedenza a questo mostro invisibile, chiamato COVID 19. La globalizzazione ci ha permesso di viaggiare in tutto il mondo, di ricevere merci e cibi esotici da migliaia di chilometri di distanza e tutto in tempi sempre più brevi, poche ore, massimo pochi giorni e così anche lui, il COVID 19 ha semplicemente usato le nostre stesse rotte aeree e navali per arrivare dovunque, contagiare e uccidere. Uccidere come fosse una guerra, ma silenziosamente, troppo silenziosamente, al punto che le vittime sono morte in solitudine nel silenzio più assurdo, senza nessuna persona cara da salutare per l’ultima volta.

E così, nel silenzio sono stati portati via a migliaia, con camiom militari che attraversavano lentamente le città come fosse l’ultima agonia di una generazione di anziani deboli e vulnerabili.

In silenzio sono stati seppelliti in fosse comuni a New York, come in uno scenario di guerra, tutte quelle persone povere, sole senza fissa dimora che nessuno è andato a cercare.

DATI SCONCERTANTI

Il 31 dicembre 2019 la Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan (Cina) ha segnalato all’Organizzazione Mondiale della Sanità un cluster di casi di polmonite ad eziologia ignota nella città di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei. Il 9 gennaio 2020, il CDC cinese ha riferito che è stato identificato un nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) come agente causale della malattia respiratoria poi denominata Covid-19. La Cina ha reso immediatamente pubblica la sequenza genomica che ha permesso la realizzazione di un test diagnostico in modo tempestivo.

Situazione internazionale

(Ultimi dati OMS. Fonte: Health Emergency Dashboard, 13 Aprile, ore 02.00am)

Globale

  • 1.773.089 casi confermati nel mondo dall'inizio dell'epidemia
  • 111.652 morti

Cina

  • 83.597 casi confermati clinicamente e in laboratorio
  • 3.351 morti

Europa

(Ultimi dati OMS, inclusa Italiafonte Dashboard Who European Region, 13 Aprile, ore 10)

  • 881.105 casi confermati
  • 74.255 morti

Primi cinque Paesi per trasmissione locale in Europa

  • Italia 156.363 casi, 19.901 morti *
  • Spagna 161.852 casi, 16.972 morti
  • Germania 123.016 casi, 2.799 morti
  • Francia 93.403 casi, 14.393 morti
  • Svizzera 25.220 casi, 858 morti

      *Fonte: Dipartimento Protezione Civile

America

(Ultimi dati OMS. Fonte: Health Emergency Dashboard, 13 Aprile, ore 02.00)

  • Stati Uniti 524.514 casi,20.444 morti
  • Canada 23.702 casi, 674 morti

Messico 4.219 casi, 273 morti


Cerca nel giornale

Forbes riprende le nostre denunce sui rifiuti scomparsi

The EU's Borders And Stability Are At Risk

Articoli consigliati

L'INCHIESTA RIFIUTI SUI MEDIA EUROPEI

SYRILIFOTELEGRAPH.MK
  

ANCHE IN GRECIA TROVA ENORME RISALTO LA NOTIZIA DEI 1300 CONTAINERS SCOMPARSI

Guarda la prima pagina della CNN in lingua greca

"

 

CONTAINER SCOMPARSI, ANCHE IN GRECIA SI PARLA DELL'INCHIESTA

LINK AL SITO

"


L'INCHIESTA DI PIANETA ITALIA NEWS VIENE RIPRESA ANCHE IN MACEDONIA

Il Telegraf, uno dei web site più importanti del Paese, decide di approfondire le nostre rivelazioni.   

Gestione rifiuti: l'intervista del 2011 a Roberto Saviano

Ultime news

Scienza

Grazie a due nuovi test genetici il tumore non farà più paura

Politica

Europa sotto attacco. Le stragi dell'ISIS nel tempo del ramadam