Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Donare il sangue fra solidarietà e prevenzione

 

Donare il sangue a volte salva una vita. È uno dei gesti d’amore più nobili al mondo ed anche il più antico.
Secondo quanto si apprende dalle statistiche dell’AVIS, l’Associazione Volontari Italiani Sangue, in Italia ci sarebbero circa 1.600.000 donatori, quasi il 2,9 per cento della popolazione.
Ma come funziona? Quali sono le procedure da seguire per diventare donatori?
Basta recarsi in una struttura deputata per il prelievo: ospedali, cliniche, ambulatori, presso associazioni specifiche, e sottoporsi ad una serie di esami che vanno a confermare o meno la possibilità di poter donare il proprio sangue.
Al donatore viene fatto un vero e proprio “check up” completo, dai test infettivologici per la sifilide, le epatiti, l’HIV fino ai comuni esami ematochimici per analizzare le funzionalità epatiche, renali, il valore del colesterolo, della glicemia e dei trigliceridi.
Tutto ciò ha anche un influsso positivo sul donatore, che prende coscienza della sua salute e viene così invogliato a seguire uno stile di vita sano.
Tornando indietro nella storia, scopriamo che la tecnica di prelevare sangue a beneficio dell’organismo era molto diffusa.
Il cosiddetto “salasso” era praticato da molte popolazioni, come gli Aztechi, i Maya e primi tra tutti i Greci.
Galeno, già nel 160 dopo Cristo, considerava indispensabile la sottrazione a scopo terapeutico di una notevole quantità di sangue.
Egli sosteneva che il sangue tendeva sostanzialmente a depositarsi alle estremità dell’organismo e che influenzava persino l’umore del soggetto.
Eliminare grandi quantità di sangue, inoltre, significava ridurre il rischio di sviluppare patologie cardiovascolari, mantenendo così la pressione sanguigna nei livelli normali.
Mettere a disposizione il proprio sangue, insomma, è un bene che si fa agli altri ma anche a noi stessi. Non dimentichiamolo...


Cerca nel giornale

Forbes riprende le nostre denunce sui rifiuti scomparsi

The EU's Borders And Stability Are At Risk

Articoli consigliati

L'INCHIESTA RIFIUTI SUI MEDIA EUROPEI

SYRILIFOTELEGRAPH.MK
  

ANCHE IN GRECIA TROVA ENORME RISALTO LA NOTIZIA DEI 1300 CONTAINERS SCOMPARSI

Guarda la prima pagina della CNN in lingua greca

"

 

CONTAINER SCOMPARSI, ANCHE IN GRECIA SI PARLA DELL'INCHIESTA

LINK AL SITO

"


L'INCHIESTA DI PIANETA ITALIA NEWS VIENE RIPRESA ANCHE IN MACEDONIA

Il Telegraf, uno dei web site più importanti del Paese, decide di approfondire le nostre rivelazioni.   

Gestione rifiuti: l'intervista del 2011 a Roberto Saviano

Ultime news

Lunedì, 02 Gennaio 2017
Perché i vaccini ci fanno paura
Martedì, 08 Novembre 2016
IL PSA e le lobby farmaceutiche

Scienza

Grazie a due nuovi test genetici il tumore non farà più paura

Politica

Europa sotto attacco. Le stragi dell'ISIS nel tempo del ramadam