DA GIALLO VERDE A GIALLO ROSSO: EFFETTI CROMATICI DEGLI ULTIMI GOVERNI

Ci troviamo in una sorta di derby, dove uno dei giocatori è passato all’altra squadra. Chiaramente quando si passa ad un’altra squadra si sceglie per quella vincente, così sembra essere andata anche nella politica italiana di fine estate. >>>

Dopo le mirabolanti peripezie dell’ex ministro degli interni Salvini, tra balli, mojito, cubiste da spiaggia e proclami di elezioni imminenti per avere pieni poteri, ci ritroviamo un po’ storditi, come appena svegliati da una pennichella pomeridiana sotto l’ombrellone, a vivere la nascita di un nuovo governo: quello giallo rosso. Niente è cambiato e niente è rimasto immobile, tutti si sono mossi verso nuovi impegni e nuove responsabilità: Di Maio si ritrova agli esteri, Toninelli torna sui banchi da bravo scolaretto, anche la Grillo ha preso la via di casa, ma Conte no, Conte è rimasto li, duro e imperterrito come un condottiero che non abbandona il campo di battaglia anche dopo una batosta clamorosa. Conte diventa simbolo del rinnovamento nonostante non si sia mosso di un millimetro da quella poltrona, alla quale, corre voce, ci si affeziona facilmente e ci si prende gusto, lasciando logorare chi non è riuscito a sedervisi sopra nonostante le folle urlanti. Ormai L’estate è finita e ricordando quel turbine di emozioni vissute tra fine luglio e 8 agosto, quando Salvini decise di sfiduciare il suo governo, dobbiamo ricordarci anche che ci aspettano mesi duri e impegnativi, a livello politico, economico e sociale, con un’Italia spaccata in due dagli odiatori da social, senza distinzioni geografiche, dal momento che la Lega ha tolto “Nord” dal nome, ma anche un’Italia spaccata comunque a prescindere dalla lega, da nord a sud, dove il nord è ancora motore trainante economico di questa Italia un po’ sgangherata, un po’ affannata ma con molte cosa ancora da dire e da fare a livello internazionale. Siamo pur sempre italiani, giallo verde, giallo rosso, verde blu, rosso nero, non piangiamoci addosso e rimbocchiamoci le maniche.

GDP

 


Cerca nel giornale

Forbes riprende le nostre denunce sui rifiuti scomparsi

The EU's Borders And Stability Are At Risk

Articoli consigliati

L'INCHIESTA RIFIUTI SUI MEDIA EUROPEI

SYRILIFOTELEGRAPH.MK
  

ANCHE IN GRECIA TROVA ENORME RISALTO LA NOTIZIA DEI 1300 CONTAINERS SCOMPARSI

Guarda la prima pagina della CNN in lingua greca

"

 

CONTAINER SCOMPARSI, ANCHE IN GRECIA SI PARLA DELL'INCHIESTA

LINK AL SITO

"


L'INCHIESTA DI PIANETA ITALIA NEWS VIENE RIPRESA ANCHE IN MACEDONIA

Il Telegraf, uno dei web site più importanti del Paese, decide di approfondire le nostre rivelazioni.   

Gestione rifiuti: l'intervista del 2011 a Roberto Saviano

Scienza

Grazie a due nuovi test genetici il tumore non farà più paura

Politica

Europa sotto attacco. Le stragi dell'ISIS nel tempo del ramadam