Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Schiave del sesso, comprate e vendute nell’indifferenza di un mondo “distratto”

 

Donne vendute come schiave, identità cancellate, “desaparecidos” del sesso: un quadro allarmante, diffuso in tutto il mondo, confuso nel silenzio di tomba di una società che sembra non voler vedere.
Fra i traffici criminali, la prostituzione è uno dei “business” più redditizi al  punto da essere equiparato a quello degli stupefacenti.
Per averne un’idea, basta un dato: in Italia il numero delle donne costrette a prostituirsi oscilla tra 80 mila e 130 mila e di queste circa il 40 per cento è minorenne.
Una vera e propria “industria del sesso”, con guadagni stimati fra i 2 e i 7,5 miliardi di euro di fatturato, in aumento di anno in anno.
Secondo il reportage diffuso nei giorni scorsi dalle “Iene”, “la tratta delle schiave” è un’ inquietante realtà che non conosce confini.
Si tratta di giovani donne, ancora bambine, vendute a volte proprio dagli stessi genitori o adescate con la promessa di un lavoro onesto, per poi essere picchiate, drogate e minacciate di “ fare le brave”, altrimenti finisce male...


In Italia la prostituzione concepita come prestazione sessuale dietro pagamento non è considerata reato.
Mentre lo è in termini di favoreggiamento, induzione, reclutamento e sfruttamento minorile.
Insomma, una via di mezzo tra il bene e il male, anche se in molti pensano che nel nostro Paese ci sia ancora molto da fare in materia.
Nel lontano 1958, grazie alla proposta della senatrice socialista Lina Merlin, venne approvata in Parlamento la legge 75,  che sancì la chiusura delle “case chiuse”: un primo, grande passo in avanti,  riconfermato poi dalla Convenzione dell’ONU in materia di Diritti dell’Uomo.
Da allora, un grande vuoto giuridico ha interessato la questione, ferma al palo da quasi sessant’anni. Molte iniziative politiche sul tema, ma nessun passo avanti…
Fra le tante, la proposta di legge che registra la “singolare”collaborazione di diversi gruppi parlamentari - dal Partito Democratico al Movimento 5 Stelle - secondo la quale si consentirebbe a chi decide liberamente di praticare la “professione” di delimitare degli spazi appositi in determinati luoghi della città e dei comuni, attivando una partita Iva, pagando regolarmente le tasse e conseguendo una regolare posizione previdenziale.
Basterà per liberare dalla schiavitù fisica e sessuale migliaia di donne dimenticate, abbandonando per una volta quel tollerante “buonismo” che ad oggi non ha portato alla risoluzione del problema?


Cerca nel giornale

Forbes riprende le nostre denunce sui rifiuti scomparsi

The EU's Borders And Stability Are At Risk

Articoli consigliati

L'INCHIESTA RIFIUTI SUI MEDIA EUROPEI

SYRILIFOTELEGRAPH.MK
  

ANCHE IN GRECIA TROVA ENORME RISALTO LA NOTIZIA DEI 1300 CONTAINERS SCOMPARSI

Guarda la prima pagina della CNN in lingua greca

"

 

CONTAINER SCOMPARSI, ANCHE IN GRECIA SI PARLA DELL'INCHIESTA

LINK AL SITO

"


L'INCHIESTA DI PIANETA ITALIA NEWS VIENE RIPRESA ANCHE IN MACEDONIA

Il Telegraf, uno dei web site più importanti del Paese, decide di approfondire le nostre rivelazioni.   

Gestione rifiuti: l'intervista del 2011 a Roberto Saviano

Ultime news

Scienza

Grazie a due nuovi test genetici il tumore non farà più paura

Politica

Europa sotto attacco. Le stragi dell'ISIS nel tempo del ramadam