Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Quando la vita si trasforma in fantascienza

 

Fino a poco tempo fa si pensava potesse esistere solo nei film di fantascienza. Oggi, invece, apprendiamo che si tratta di fantascientifica realtà.
La criogenesi o “crioconservazione post mortem”,  come meglio si preferisce, è una tecnica usata già da diversi anni negli Stati Uniti d’America.
Tre società hanno messo in pratica questo processo di conservazione delle persone defunte, contando ad oggi ben 377 corpi ibernati : Alcor in Arizona, Cryonics Institute a Detroit e la KryoRus in Russia.
Ma cerchiamo di capire meglio come funziona.
Per poter accedere a questo tipo di pratica è necessario sfruttare il lasso di tempo che intercorre tra l’arresto cardiaco e la morte celebrale.
Nel momento esatto del decesso, ma mentre ancora le funzioni celebrali sono in essere, i tecnici addetti alla crioconservazione ripristinano meccanicamente  le funzionalità polmonari ed il conseguente afflusso di sangue al cervello.
Successivamente, il corpo viene sottoposto ad una serie di passaggi e come ultimo step si inietta una soluzione “crioprotettiva”per evitare che si congelino tutti i tessuti.  Infine il corpo viene immerso in azoto liquido ad una temperatura di meno 196 gradi centigradi.
Il tutto ad un costo di 36 mila dollari.
La speranza di poter “vincere” malattie al momento incurabili, l’illusione di poter fermare il tempo: queste le motivazioni che  hanno spinto e che spingono molte persone a sottoporsi a questa “fantascientifica” pratica che nasconde non poche incertezze.
Proprio in questi giorni ha fatto molto discutere il caso di una giovane inglese gravemente malata di cancro.  Lei stessa ha  presentato domanda al Giudice, chiedendo di poter sperimentare la tecnica della crioconservazione all’indomani della propria morte, avvenuta poco tempo dopo.
Il suo corpo giace ora in una gelida capsula, in attesa che la ricerca scientifica un giorno possa ridarle una  vita spoglia dal dolore e dalla malattia che invece l’hanno accompagnata in questa.
L’uomo, ancora una volta, sfida il tempo e osa raggiungere livelli di conoscenza soprannaturali. Chissà se la risposta che otterrà sarà per il suo bene…


Cerca nel giornale

Articoli consigliati

Scienza

Grazie a due nuovi test genetici il tumore non farà più paura

Politica

Europa sotto attacco. Le stragi dell'ISIS nel tempo del ramadam